Hi! Welcome...

Associazione Musicale Lucchese: dal 1964 la musica classica a Lucca

28 luglio 2015

Il ritorno di Bruno Canino e Cristiano Rossi a Pieve a Elici

Pieve a EliciSaranno il pianista Bruno Canino e il violinista Cristiano Rossi ad aprire il secondo mese di concerti del Festival di musica da camera della Versilia, a Pieve a Elici. Domenica 2 agosto, alle 21.15, Canino e Rossi accoglieranno nella bella chiesa romanica di S. Pantaleone gli appassionati di musica classica con musiche di Mozart, Brahms e Beethoven, per un nuovo appuntamento con la rassegna organizzata dall’Associazione Musicale Lucchese e dal Comune di Massarosa.

Il duo, ben noto e apprezzato dai cultori della classica, proporranno in apertura la Sonata in sol maggiore per violino e pianoforte, KV 301 di Wolfgang Amadeus Mozart. Di Ludwig van Beethoven, Canino e Rossi hanno scelto, invece, la Sonata per violino e pianoforte n. 10 in sol maggiore, op. 96, pacata e profonda composizione scritta per il violinista francese Jacques Pierre Rode e nella quale si riflette la maturità artistica del grande maestro tedesco. Il concerto si concluderà con la Sonata per violino e pianoforte n. 1 in sol maggiore, op. 78 di Johannes Brahms, che richiama sia le Sonate di Mozart sia quelle di Beethoven, in particolare proprio l’Opus 96, che Brahms amava suonare in concerto.

BRUNO CANINOBruno Canino ha studiato pianoforte e composizione al Conservatorio di Milano, dove ha poi insegnato pianoforte principale per 24 anni. Come solista e pianista da camera ha suonato nelle principali sale da concerto e festival mondiali. Da quaranta anni suona in duo pianistico con Antonio Ballista e, da quasi trenta, fa parte del Trio di Milano. È direttore della sezione Musica della Biennale di Venezia.CRISTIANO ROSSI 5

Cristiano Rossi nasce in una famiglia di artisti bolognesi e inizia precocissimo, a neanche cinque anni, lo studio del violino con una tale convinzione da diplomarsi a soli 16 anni, al Conservatorio di Bologna alla scuola di Sandro Materassi. Ha al suo attivo innumerevoli recital e importanti concerti in tutte le città italiane, in Europa, Sud America, Stati Uniti e Giappone.

Il costo del biglietto intero è di 12 euro, il ridotto 10 euro mentre per i soci dell’AML è di 7 euro.

22 luglio 2015

L’atteso ritorno di Mariangela Vacatello a Pieve a Elici

Sarà Mariangela Vacatello, domenica 26 luglio alle 21.15, a chiudere il primo mese di concerti dell’edizione 2015 del Festival di musica da camera della Versilia, rassegna musicale organizzata dall’Associazione Musicale Lucchese e dal Comune di Massarosa nella bellissima pieve romanica di S. Pantaleone, a Pieve a Elici.MARIANGELA VACATELLO 2

Molto ricco il programma proposto dalla pianista partenopea, che guiderà il pubblico attraverso l’Ottocento di Chopin, Schumann e Liszt per arrivare al primo Novecento di Debussy e alla contemporaneità di Ginastera.

Il programma si apre con Kinderszenen, op. 15 di Robert Schumann, tredici pezzi brevi definiti dallo stesso autore come scritti «per i piccoli fanciulli da un fanciullo grande», importanti per capire il viaggio esplorativo dell’autore alla ricerca di zone della sensibilità umana ancora sconosciute per la musica. Di Fryderyk Chopin Vacatello propone la Ballata n. 3 in la bemolle maggiore, op. 47 e la Ballata n. 4 in fa minore, op. 52.. Dai Douze études d’exécution trascendante di Ferenc Liszt ascolteremo il n. 11 Harmonies du soir e il n. 12 Chasse neige.
A introdurre il Novecento sarà l’Isle Joyeuse di Claude Debussy, pezzo che ha mantenuto una grande fortuna concertistica fino alla metà del secolo scorso. In chiusura, le Tres danzas argentinas, op. 2, composte da Alberto Evaristo Ginastera nel 1937 e contraddistinte da forti riferimenti alla vita popolare e alla natura dell’Argentina.

Mariangela Vacatello nasce in una famiglia di musicisti e inizia gli studi musicali ancora bambina, a 4 anni. Inizia a esibirsi in pubblico all’età di 5 anni e debutta con l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali a 14 anni nella “Sala Verdi” del Conservatorio di Milano (dove si è diplomata e laureata) eseguendo il 1° Concerto di Liszt. Si è perfezionata frequentando masterclass, in Italia e all’estero. Insieme allo studio del pianoforte ha affiancato il corso di composizione sperimentale.

Il costo del biglietto intero è di 12 euro, il ridotto 10 euro mentre per i soci dell’AML è di 7 euro.

Per informazioni: Associazione Musicale Lucchese, tel. 0583 469960; Comune di Massarosa, Ufficio del Cittadino tel. 0584 979229, o Ufficio Cultura tel. 0584 979216.

15 luglio 2015

Enrico Bronzi e Simone Soldati in concerto

Simone SoldatiEnrico Bronzi e Simone Soldati sono i protagonisti del prossimo concerto del Festival di Musica da camera della Versilia, in programma domenica 19 luglio alle 21:15 a Pieve a Elici (Massarosa).

Bronzi, violoncellista del Trio di Parma, già primo violoncello dell’Orchestra Teatro alla Scala, uno dei musicisti che hanno collaborato più strettamente con Claudio Abbado, e Soldati, affermato pianista che vanta collaborazioni di prestigio con artisti di fama internazionale, ospite di grandi manifestazioni come il Settembre Musica (Torino), i Concerti del Quirinale e l’Associazione Scarlatti (Napoli), eseguiranno alcune pagine di Bach e Beethoven.

Il concerto si aprirà Enrico Bronzi e la Suite per violoncello solo n.5 di Johann Sebastian Bach, uno dei vertici della letteratura per questo strumento, pietra angolare della formazione dei violoncellisti. Il quarto movimento di questa opera, la Sarabande, vero centro emotivo della suite, fu reso celebre in Italia dal film La caduta degli Dei di Luchino Visconti.ENRICO BRONZI Z

Il secondo tempo del concerto sarà invece dedicato a Ludwig van Beethoven con le Sette variazioni tratte dal Flauto Magico di Mozart, sul cantabilissimo tema del duetto Pamina-Papageno «Tra i maschi che sentono l’amore» (Bei Männern, welche Liebe fühlen) e l’eleganza e la spaziosità della Sonata n. 3 in la maggiore per violoncello e pianoforte, op. 69.

Il costo del biglietto intero è di 12 euro, il ridotto 10 euro mentre per i soci dell’AML è di 7 euro.

Per informazioni è possibile contattare l’Associazione Musicale Lucchese tel. 0583 469960 oppure il Comune di Massarosa, Ufficio del Cittadino tel. 0584 979229 o Ufficio Cultura tel. 0584 979216.

07 luglio 2015

Pavel Berman e Roberto Arosio in concerto

Domenica 12 Luglio presso la Chiesa di San Pantaleone in Pieve a Elici il Violinista Pavel Berman ed il Pianista Roberto Arosio eseguiranno musiche di: E. Grieg, R. Schumann, E. Chausson, H. Wieniawski.


 

Secondo appuntamento, domenica 12 luglio alle 21.15, con i concerti del Festival da camera della Versilia, la rassegna musicale organizzata dall’Associazione Musicale Lucchese e dal Comune di Massarosa nella pieve di San Pantaleone, a Pieve a Elici.

PAVEL BERMANA incantare il pubblico del Festival saranno il violino di Pavel Berman e il pianoforte di Roberto Arosio, un duo che rappresenta una novità per gli appassionati che ogni anno accorrono numerosi in quel gioiello storico-architettonico che è la pieve romanica. Violinista virtuoso e dalla «forza espressiva immensamente profonda», figlio d’arte ed enfant prodige il primo; pianista che la rivista tedesca “Ensamble magazine” ha definito «senza compromessi, interprete formidabile e profondo» il secondo. Insieme, suoneranno pagine di musica che abbracciano tutto l’Ottocento. ROBERTO AROSIO 1

Il programma si apre con Edvard Grieg e la sua Sonata per violino e pianoforte n. 3 in do minore, op. 45, composta dall’autore tra il 1886 e il 1887. Di Schumann, Berman e Arosio hanno scelto la Sonata per violino e pianoforte n. 1 in la minore, op. 105. Poème per violino e pianoforte, op. 25 è con ogni probabilità il lavoro più noto del parigino Ernest Chausson. Liberamente ispirato al Canto dell’amore trionfante, un racconto di Turgenev, venne composto tra il 1892 e il 1896 e dedicato al violinista belga Eugène Ysaÿe. A chiudere il concerto sarà la Fantasia brillante per violino e pianoforte su temi del Faust di Gounod, op. 20, di Henryk Wieniawski, scritta secondo un modello assai in voga all’epoca, che si sviluppa utilizzando i motivi più popolari dell’opera e che, soprattutto, richiede una straordinaria abilità tecnica.

Il costo del biglietto intero è di 12 euro, il ridotto 10 euro mentre per i soci dell’AML è di 7 euro.

01 luglio 2015

Jin Ju suona Rameau, Debussy e Chopin al Festival di musica da camera della Versilia

Saranno le musiche di Rameau, Debussy e Chopin eseguite dalla pianista Jin Ju a dare il via, domenica 5 luglio alle 21.15, all’edizione 2015 del Festival da camera della Versilia, la rassegna musicale organizzata dall’Associazione Musicale Lucchese e dal Comune di Massarosa nella stupenda cornice dalla chiesa romanica di Pieve a Elici. Un appuntamento estivo imperdibile, da 48 anni a questa parte, per gli appassionati di musica classica.

Quello di Jin Ju è un graditissimo ritorno a Pieve a Elici. La talentuosa pianista, infatti, si è già esibita nella chiesa di S. Pantaleone nel 2011, poco dopo essere salita alla ribalta mondiale grazie all’incredibile performance nella Sala Nervi, nella Città del Vaticano, dove ha suonato sette pianoforti d’epoca, dagli inizi del sec. XIX ai nostri giorni, per Sua Santità Benedetto XVI. Premiata in prestigiosi concorsi internazionali quali il Cajkovskij di Mosca e il Queen Elizabeth di Bruxelles, Jin Ju si è esibita nelle più importanti sale da concerto in Europa, America, Asia e Oceania. Collabora stabilmente con varie istituzioni musicali e tiene regolarmente lezioni e masterclass in Cina, Europa e Stati Uniti.

Di Jean-Philippe Rameau, considerato da molti il più importante operista francese, Jin Ju suonerà la Gavotte avec les Doubles de la Gavotte in la minore. Il programma proseguirà con la prima serie di Images di Claude Debussy, tre pezzi che sembrano quasi tradurre in suono le innovazioni tecniche ed espressive dei maestri della pittura di fine Ottocento e per questo considerati come prototipi del cosiddetto “impressionismo” musicale del genio francese. Sempre di Debussy, Jin Ju eseguirà i Sei Studi, parte delle dodici composizioni scritte nell’estate del 1915 e dedicate a Chopin. Il concerto si chiuderà con quattro opere di Fryderyk Chopin, universalmente riconosciuto come grande innovatore dell’armonia e pianista dalla tecnica così originale da riuscire a utilizzare lo strumento quasi come una voce umana. Di Chopin Jin Ju suonerà le Tre mazurche Op. 59, i Due Notturni Op. 62, Barcarola in fa diesis maggiore Op. 60 e Polacca-Fantasia in la bemolle maggiore Op. 61.

Il costo del biglietto intero è di 12 euro, il ridotto 10 euro mentre per i soci dell’AML è di 7 euro.

Per informazioni Associazione Musicale Lucchese tel. 0583 469960 oppure Comune di Massarosa, Ufficio del Cittadino tel. 0584 979229 o Ufficio Cultura tel. 0584 979216.