Hi! Welcome...

Associazione Musicale Lucchese: dal 1964 la musica classica a Lucca

27 febbraio 2015

Leonora Armellini suona Chopin in San Micheletto

Sarà completamente dedicato al pianoforte romantico e alla “poesia” di Fryderyk Chopin il prossimo concerto della Stagione cameristica dell’Associazione Musicale Lucchese, in programma domenica 1 marzo alle ore 17 nella Sala dell’affresco del Complesso di San Micheletto. Sul palco la giovane e straordinaria Leonora Armellini, che il pubblico dell’AML ha già avuto modo di apprezzare in più occasioni, a Lucca e a Pieve a Elici, seguendo da vicino il suo interessante percorso di crescita artistica.

In programma il Notturno in do minore op. 84 n.1, lo Scherzo op.31, il “Lento con grande espressione”, la Polacca op. 53 e, nel secondo tempo, i “12 studi” op. 25.

Vincitrice del “Premio Janina Nawrocka” per la “straordinaria musicalità e la bellezza del suono” al Concorso Pianistico Internazionale “F. Chopin” di Varsavia nel 2010, Leonora Armellini (classe 1992) grazie al suo talento, alla versatilità e al grande repertorio cameristico, ha collaborato con importanti musicisti e orchestre nel mondo. Nel maggio 2013, l’Associazione Nazionale Critici Musicali, presieduta da Angelo Foletto, ha deciso di assegnare il “XXXII Premio Abbiati”, “Premo Piero Farulli”, al trio composto da Leonora Armellini, Laura Marzadori e Ludovico Armellini (pianoforte, violino e violoncello). Protagonista di numerosi progetti discografici, è presente nelle più prestigiose stagioni internazionali. Da segnalare la sua presenza sul palco del Festival di Sanremo nel 2013, quando incantò la platea dell’Ariston nell’esecuzione dello Studio opera 10 N° 3 di Chopin.

24 febbraio 2015

Sandro Ivo Bartoli e la sua prima esibizione per l’Associazione

 

23 febbraio 2015

Musica ragazzi: Michela Lombardi e Piero Frassi

Le foto del concerto di sabato 21 febbraio

20 febbraio 2015

Bach, le “stagioni” e…il pianoforte di Sandro Ivo Bartoli

sandro ivo bartoliProsegue con un emozionante appuntamento dedicato al pianoforte la Stagione cameristica dell’Associazione musicale Lucchese. Domenica 22 febbraio alle ore 17 nell’auditorium del Suffragio sarà la volta del recital del pianista pisano Sandro Ivo Bartoli che si esibisce per l’AML per la prima volta.

«I ricordi – afferma Bartoli - sono ciò che rende ognuno di noi unico. Lucca ne serba molti per me. Vi ho studiato per tre anni, quando ero ragazzo, e proprio qui cominciai a muovere i primi passi in quel mondo meraviglioso che sarebbe diventato la mia vita: la grande musica. I concerti dell’AML erano, già allora, un traguardo da raggiungere per noi giovanotti pieni di speranze. Tornare in questa bella città, dopo trent’anni, e collaborare con l’AML ha il carattere di una favola, per me: è un sogno che si avvera».BUSONI in un disegno di Bartoli

Bartoli proporrà un programma di grandissima intensità che riprende il fil rouge della Stagione cameristica 2015, con un omaggio a Bach con la celeberrima Toccata e fuga in re minore, BWV 565 trascritta da Ferruccio Busoni, e un riferimento alle “stagioni” con la piccola suite di Albeniz Les Saisons, vero cameo della musica del compositore spagnolo. Bartoli interpreterà anche l’enigmatica e struggente Berceuse, Op.57 di Chopin e, per un ulteriore riferimento a Bach, il Prelude, Choral et Fugue di César Franck e Grosses Konzertsolo, S. 176 e Fantasia e fuga sul nome di Bach, S.529/2 di Franz Liszt.

Sandro Ivo Bartoli, nato a Pisa nel 1970, è stato allievo di Giancarlo Cardini al Conservatorio di Firenze e ha studiato alla Royal Academy di Londra, dove ha vinto numerosi premi e borse di studio. Ha collaborato a lungo con il pianista russo Shura Cherkassky. Nei primi anni Novanta, con l’incoraggiamento e l’aiuto di Cherkassky, ha riproposto al pubblico internazionale il repertorio italiano del primo Novecento. Alla riscoperta dei concerti di Respighi (Bedford, 1991), Malipiero (Londra, 1994) e Casella (Londra, 1995), aggiunge nel 1995 la prima esecuzione moderna negli USA della Toccata di Respighi con l’Orchestra Sinfonica di Johnson City, sotto la direzione di Lewis Dalvit. Nel 2002 cura le musiche di scena per Il libro dell’inquietudine di Fernando Pessoa, andato in scena al Festival d’Avignon nell’adattamento teatrale di Antonio Tabucchi, presentandosi nella triplice veste di pianista, arrangiatore e compositore. Sempre nel 2002 fonda Londra Opera Etcetera, un ciclo di concerti dedicati alla musica cameristica dei compositori d’opera.

Il costo del biglietto intero è 12 euro, il ridotto 10 euro. I ragazzi fino a 14 anni entrano gratis. I concerti iniziano alle ore 17; si consiglia di recarsi all’auditorium almeno 30 minuti prima dell’inizio del concerto.

19 febbraio 2015

Musica ragazzi: Un viaggio nel jazz…Michela Lombardi in concerto

LombardiProseguono gli appuntamenti con “Musica ragazzi”, la stagione concertistica pensata per i bambini e i ragazzi delle scuole, promossa dall’Associazione Musicale Lucchese e curata da Carla Nolledi. Un cartellone che da questa edizione apre le porte anche a genitori, nonni e a quanti vogliano partecipare ai concerti in programma.

Venerdì 20 febbraio, alle ore 10:30, all’Auditorium “Boccherini” la cantante jazz Michela Lombardi, accompagnata dal pianista Piero Frassi, guiderà i piccoli spettatori in un divertente viaggio nel mondo del jazz attraverso alcuni famosi brani, per lo più legati ai film per bambini e ai cartoni di Walt Disney, da “Over The Rainbow” (dal film “Il Mago di Oz”) a “Someday My Prince Will Come” (da “Biancaneve”), da “Tutti Quanti Voglion Fare il Jazz” (da “Gli Aristogatti”) a “Lo Stretto Indispensabile” (da “Il Libro della Giungla”) fino alla sigla de “I Flintstones”, pezzo scritto sul giro armonico di “I Got Rhythm” di George Gershwin. Non mancherà un coinvolgente momento interattivo in cui Lombardi e Frassi inviteranno i bambini a cantare, duettando con loro.

Michela Lombardi è tra le migliori jazz vocalist Italiane, per molti anni menzionata nella sezione “Miglior Voce” nei sondaggi Top Jazz della rivista “Musica Jazz”. Si è diplomata con il massimo dei voti al Triennio Jazz del Conservatorio di Firenze e insegna canto Jazz al conservatorio di La Spezia. Piero Frassi ha suonato in tour al fianco di artisti come Tullio De Piscopo e Linda Wesley; da sempre pianista di Karima Ammar, ha aperto i concerti italiani di Burt Bacharach, Seal, Simply Red, Kenny Garrett e Whitney Houston.

Il concerto è a pagamento; il biglietto costa 3 euro.