Hi! Welcome...

Associazione Musicale Lucchese: dal 1964 la musica classica a Lucca
  • Telefono/Fax: (+39) 0583 469960
  • Mail: info@associazionemusicalelucchese.it

29 luglio 2014

Tra Romanticismo e musica moderna con Andrea Lucchesini e Marco Rizzi

Saranno Andrea Lucchesini e Marco Rizzi, domenica 3 agosto, alle 21.15, ad aprire il secondo mese di concerti del Festival di musica da camera della Versilia, il tradizionale appuntamento con la musica classica organizzato dal Comune di Massarosa e dall’Associazione Musicale Lucchese.

marco rizzi

Andrea Lucchesini, pianista di fama internazionale, può essere considerato a pieno titolo un habitué del Festival. Quest’anno salirà sul palco dell’incantevole Pieve di S. Pantaleone insieme a Marco Rizzi e il suo prezioso violino, un Guarnieri del 1742.

Il duo proporrà un programma dedicato all’evoluzione della musica classica tra Ottocento e Novecento, da ripercorrere attraverso musiche di Johannes Brahms (Sonata op. 100 n. 2 in la maggiore per violino e pianoforte, composta dal grande maestro tedesco negli anni della sua piena maturità artistica), Richard Strauss (Sonata op.18 in mi bemolle maggiore per violino e pianoforte che conclude la serie di composizioni giovanili del compositore, ancora influenzato dalla tradizione classico-romantica) e Mario Castelnuovo-Tedesco (Sonata – Quasi una fantasia op. 56 per violino e pianoforte, dedicata alla violinista ungherese Adila Fachiri). 

lucchesini

Andrea Lucchesini si è imposto all’attenzione internazionale vincendo nel 1983 il primo premio al concorso Dino Ciani del Teatro alla Scala di Milano, che gli ha aperto la strada alla collaborazione con importanti orchestre e direttori, tra i quali Claudio Abbado, Semyon Bychkov, Dennis Russell Davies. Marco Rizzi, premiato nei tre concorsi più prestigiosi al mondo per violino (il Caikovskij di Mosca, il Queen Elizabeth di Bruxelles e l’Indianapolis Violin Competition), si esibisce regolarmente in Italia e all’estero, come ospite di celebri orchestre e protagonista dei maggiori festival di musica da camera in Europa.

Biglietto: intero 12 euro, ridotto 10 euro, soci AML 7 euro.

Info: Associazione Musicale Lucchese tel. 0583 469960; Comune di Massarosa, Ufficio del Cittadino tel. 0584 979229 o Ufficio Cultura tel. 0584 979216.

21 luglio 2014

Un viaggio nella musica del Novecento con Carbonare, Papandrea e Braconi

Debutto, domenica 27 luglio alle 21.15, per il trio composto da Elisa Eleonora Papandrea (violino), Monaldo Braconi (pianoforte) e Alessandro Carbonare (clarinetto) al Festival di musica da camera della Versilia, manifestazione organizzata dall’Associazione Musicale Lucchese a dal Comune di Massarosa, giunta quest’anno alla sua quarantasettesima edizione.

Trio-Carbonare-Papandrea-BraconiCarbonare, celebre clarinettista a suo agio in ogni stile, Papandrea e Braconi calcheranno per la prima volta insieme il palcoscenico della bellissima pieve romanica di S. Pantaleone per presentare un progetto originale e gradevolissimo, basato su alcuni grandi classici del Novecento, proposti con l’insolito trio.

In programma musiche di Stravinsky (L’Histoire du Soldat, nella sua versione cameristica), Gershwin (Ballads from Porgy and Bess), Poulenc (suite da L’invitation au Chateau e Sonata per clarinetto e pianoforte), Piolo (Threepenny in the Dark, su tema di Kurt Weill) e Kuttenberger (Habdala-Blitspost).

Per 15 anni Primo clarinetto solista all’Orchestre National de France e dal 2003 primo clarinetto dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Alessandro Carbonare ha suonato sui maggiori palcoscenici internazionali. Vincitore di due Diapason d’oro, su personale invito di Claudio Abbado ha accettato il ruolo di primo clarinetto nell’Orchestra del Festival di Lucerna e nell’Orchestra Mozart. Monaldo Braconi ha iniziato i suoi studi al Conservatorio S. Cecilia, a Roma, per poi perfezionarsi all’Accademia Chigiana di Siena e al Conservatorio Rimskij-Korsakov di S.Pietroburgo). Collabora molto spesso con importanti orchestre di tutta Europa, tra cui la Filarmonica di Leningrado, l’Orchestra Accademia di Stato di San Pietroburgo e la Filarmonica di Rostov on Don. Elisa Eleonora Papandrea, allieva del M° Corrado Romano, si è diplomata al Conservatorio Santa Cecilia di Roma e ha perfezionato i suoi studi a New York al Mannes College of Music e al Royal College of Music di Londra. Appassionata interprete del repertorio da camera, si è esibita in prestigiose sale da concerto, tra le quali la Royal Opera House di Londra e il Gesellschaft für Musiktheater di Vienna.

Biglietto: intero 12 euro, ridotto 10 euro, soci AML 7 euro.

Info: Associazione Musicale Lucchese tel. 0583 469960; Comune di Massarosa, Ufficio del Cittadino tel. 0584 979229 o Ufficio Cultura tel. 0584 979216.

14 luglio 2014

Il recital di Giuseppe Albanese per il Festival di Pieve a Elici

Una serata tutta dedicata al pianoforte quella che si terrà domenica 20 luglio, alle 21.15, nella bellissima chiesa di S. Pantaleone, a Pieve a Elici, per un nuovo appuntamento con la quarantasettesima edizione del Festival di musica da camera delle Versilia, organizzato dall’Associazione Musicale Lucchese a dal Comune di Massarosa.

giuseppe albanese

Sul palcoscenico della suggestiva pieve romanica incastonata nelle colline di Massarosa salirà Giuseppe Albanese, interprete molto conosciuto dall’affezionato pubblico che ogni anno segue con grande passione il Festival della Musica da Camera della Versilia. In programma la geniale sonata Fantasia in do maggiore op.17 di Robert Schumann, scaturita dalla tormentata storia del compositore con l’amata Clara; la poetica e a tratti impetuosa Sonata quasi una fantasia in do diesis minore op.27 n.2 “Al chiaro di luna” di Ludwig van Beethoven e, infine, la Fantasia in do maggiore D 760 op.15  ”Wanderer”, di Franz Schubert, opera composta nel 1822 e che conobbe per oltre un secolo un grandissimo successo in tutta Europa.

Giuseppe Albanese, giovane e talentuoso pianista calabrese, ha vinto importanti premi in tutta Europea, tra i quali il “Premio Venezia” (1997), il Premio speciale per la miglior esecuzione dell’opera contemporanea al “Busoni” di Bolzano, il primo premio al “Vendome Prize” (2003). Invitato per recital e concerti con orchestre da autorevolissime ribalte internazionali, ha suonato per tutte le più importanti stagioni concertistiche in Italia e all’estero. Si è distinto per essere stato l’unico pianista ad essere invitato a suonare in ben undici primarie Fondazioni Liriche: il Petruzzelli di Bari, il Comunale di Bologna, il Teatro Lirico di Cagliari, il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, il Carlo Felice di Genova, il Teatro San Carlo di Napoli, il Massimo di Palermo, il Teatro dell’Opera di Roma, il Verdi di Trieste, la Fenice di Venezia, l’Arena di Verona.

Biglietto: intero 12 euro, ridotto 10 euro, soci AML 7 euro.

Info: Associazione Musicale Lucchese tel. 0583 469960; Comune di Massarosa, Ufficio del Cittadino tel. 0584 979229 o Ufficio Cultura tel. 0584 979216.

07 luglio 2014

Dego e Leonardi a Pieve a Elici

Dego Leonardi 7Saranno il violino di Francesca Dego e il pianoforte di Francesca Leonardi i protagonisti del secondo concerto in programma a Pieve a Elici, sabato 12 luglio, alle 21.15, nell’ambito della quarantasettesima edizione del Festival di musica da camera delle Versilia, organizzato dall’Associazione Musicale Lucchese a dal Comune di Massarosa.

Per il duo si tratta di un graditissimo ritorno a Pieve a Elici. Le due giovani talentuose musiciste, infatti, hanno già calcato il palcoscenico della stupenda chiesa romanica di S. Pantaleone nel 2012, fin da allora confermandosi “promesse mantenute” del panorama cameristico italiano.

In programma alcune sonate per violino e pianoforte di Ludwig van Beethoven: la “teatrale”, come la definì Carli Ballola, Sonata op. 12 n.3; la celebre Sonata in fa maggiore op. 24, “La Primavera”, dove lo strumento ad arco ha un ruolo per nulla subordinato rispetto al pinoforte; la Sonata in sol maggiore op. 96, pacata e profonda composizione pubblicata da un Beethoven ormai quarantaduenne e nel pieno della sua maturità artistica.

Francesca Dego è considerata fra le migliori interpreti italiane di oggi. Vincitrice di numerosi concorsi internazionali, nel 2008 è stata la prima violinista italiana a entrare in finale al Premio Paganini di Genova dal 1961, aggiudicandosi inoltre il Premio speciale Enrico Costa riservato al più giovane finalista. Diplomata con lode e menzione speciale al Conservatorio di Milano, si è esibita come solista con le più importanti orchestre, tra cui i Cameristi della Scala, L’Orchestre Philharmonique de Nice e la European Union Chamber Orchestra.

Francesca Leonardi ha iniziato lo studio del pianoforte all’età di 3 anni. Si è diplomata con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio di Milano. Premiata in diversi concorsi pianistici nazionali e internazionali, si è esibita come solista con diverse orchestre e ha tenuto recital in Italia, Gran Bretagna, Francia, Svezia, Svizzera e Giappone. Svolge da sempre un’intensa attività concertistica anche in ambito cameristico.

Biglietto: intero 12 euro, ridotto 10 euro, soci AML 7 euro.

Info: Associazione Musicale Lucchese tel. 0583 469960; Comune di Massarosa, Ufficio del Cittadino tel. 0584 979229 o Ufficio Cultura tel. 0584 979216.

01 luglio 2014

In ricordo di Sonja Pahor (7 luglio)

sonja pahor

Lunedì 7 luglio alle ore 21 nell’Auditorium del Suffragio, l’Associazione Musicale Lucchese e l’Istituto musicale “L. Boccherini” ricordano Sonja Pahor, pianista e docente di fama internazionale, collaboratrice dell’Istituto musicale lucchese, scomparsa nel luglio dello scorso anno.

 

Questo il programma del concerto.

locandina concerto

Robert Schumann: Kinderszenen op. 15 - Von fremden Ländern und Meuschen (Da genti e paesi lontani) - Curiose Keschichte (Storia curiosa) - Hasche-Mann (A rincorrersi) - Bittendes Kind (Fanciullo che prega) - Glückes genug (Abbastanza felice) - Wichtige Begebenheit (Avvenimento importante) - Traumerei (Visione) - Am Camin (Al camino) - Ritter vom Steckenpferd (Sul cavallo di legno) - Fast zu ernst (Quasi troppo serio) - Fürchtenmachen (Bau-bau) - Kind im Einschlummern (Il bimbo si addormenta) - Der Dichter spricht (Parla il poeta) —— Marco Torre pianoforte

Claude Debussy: Six épigraphes antiques per pianoforte a quattro mani - Pour invoquer Pan, dieu du vent d’étéModéré, dans le style d’une pastoralePour un tombeau sans nomTriste et lentPour l’égyptienneTrès modéré ——- Gisella Gori e Fabrizio Giovannelli duo pianistico

Roberto Scarcella Perino: Sonata n. 1 per pianoforte (dedicata a Sonja Pahor) —— Giuseppe Bruno pianoforte

Heinrich Josef BaermannAdagio per clarinetto e quintetto d’archi; Ferruccio Busoni: Elegia per clarinetto e pianoforte —— Remo Pieri clarinettoFabrizio Giovannelli pianoforte 

Dmitri Shostakovic: Trio per violino violoncello e pianoforte n.2, in mi minore op.67 (III Largo – IV Allegretto) —— Nuovo Trio Parsifal (Patrizia De Carlo violino, Elisa Astrid Pennica violoncello, Anna Paola Milea pianoforte)

Goffredo PetrassiElogio per un’ombra per violino solo, in memoria di Alfredo Casella —— Cristiano Rossi violino

Oliver Messiaen: Quatour pou la fin du temps Louange à l’immortalité de Jésus —— Cristiano Rossi violinoFabrizio Giovannelli pianoforte

pahor 2Nata in Slovenia nel 1947, Sonja Pahor mostrò un precocissimo talento musicale, iniziando a suonare il pianoforte all’età di quattro anni. Tredicenne, fu avviata alla carriera concertistica da Zorka Bradač, al conservatorio di Lubiana; proseguì poi gli studi con Dubravka Tomšič – Srebotnjak all’Accademia Nazionale Slovena, dove si è diplomò, ricevendo come migliore allieva il premio “Prešeren”. In seguito si perfezionò con Nikita Magaloff e con Carlo Zecchi, con il quale conseguì il Diploma all’Accademia di S. Cecilia a Roma. Vincitrice dei Concorsi Pianistici di Taranto, Senigallia, Treviso e Pescara, tenne recital e concerti da camera in diversi paesi europei, suonando anche con importanti orchestre: Orchestra Filarmonica Slovena, Orchestra Sinfonica Nazionale Lituana, Orchestra Sinfonica Russa di Saratov, Orchestra Sinfonica della provincia di Bari, Orchestra Sinfonica Abruzzese. Collaborò con musicisti di fama, come Massimo Pradella, Bruno Campanella, Jouzas Domarkas, Cristiano Rossi ed altri. Nel 1996 il compositore Primož Ramovš le dedicò il “Dittico Concertante per pianoforte e orchestra” eseguito da lei stessa, in prima assoluta, con l’Orchestra Filarmonica Slovena nel concerto di apertura del “Festival dei compositori sloveni 1999” a Lubiana. Incise un importante programma per la Radio Slovena e, nel 2000, la Casa Discografica della “RTV Slovenija” pubblicò un suo CD intitolato “Il pianoforte nell’arco del tempo”. È stata inserita, assieme ad altri nomi rappresentativi della cultura musicale slovena, nella raccolta “100 musicisti sloveni” pubblicata nel 2003. Oltre all’attività concertistica si dedicò con grande passione alla formazione artistica dei giovani, insegnando Pianoforte Principale nei Conservatori “Arcangelo Corelli” di Messina e “Luigi Cherubini” di Firenze e tenne numerosi corsi di perfezionamento di Pianoforte e Musica da Camera per la Scuola Sinfonia di Lucca, l’Art’s Academy di Roma e l’Accademia Musicale di Trani. Fece parte delle giurie dell’“Anello d’oro di Chopin” in Slovenia e di altri numerosi concorsi pianistici. Dal 2002 abitava a Lucca. È scomparsa l’8 luglio 2013.

Il concerto è a ingresso gratuito. Per informazioni Associazione Musicale Lucchese 0583/469960.